Consegna delle due stufe a pellet donate dall’Associazione Capriana

Ieri c’era un sole meraviglioso intorno ad Amatrice. Aria di quiete, di pace.
Abbiamo consegnato due stufe a pellet donate dall’ Associazione Capriana che ci ha raggiunto dal mantovano per partecipare personalmente alla consegna.

La giornata è iniziata all’agriturismo Lu Ceppe, che ci ha offerto formaggi e salumi per ringraziarci della pasquarella cantata e suonata dagli straordinari amici marchigiani. Pronti per le consegne, ci siamo mossi in località Bacugno, una frazione del comune di Posta (RI) per raggiungere la signora Assunta e suo marito Antonio: la loro casa è inagibile a causa della vicinanza di case gravemente danneggiate. Assunta ci ha offerto da bere, Antonio ha imbracciato il suo organetto e si è unito ai musici per festeggiare l’arrivo della nuova stufa.

Per la seconda consegna ci siamo spostati a Santa Croce, frazione del comune di Cittareale (RI) dove ad aspettarci c’era la signora Maria che ci ha raccontato la sua storia: a causa dell’inagibilità della propria casa, è tornata a vivere nel container fornito a seguito del terremoto del ’79.

Ci siamo salutati dal gruppo dell’associazione capriana con la soddisfazione di aver fatto ballare il saltarello alla presidentessa Cecilia Tondini, e abbiamo proseguito il nostro viaggio verso la frazione amatriciana di Faizzone.

Avete già capito da chi siamo andati a suonare la pasquarella… dalla famiglia Guerrini!!! E sapete cosa è stato più bello della merenda a sorpresa che ci hanno fatto trovare? La gioia che hanno mostrato nel vederci: la voce rotta dall’emozione della signora Rita nel raccontare agli amici marchigiani di quel 23 settembre 2016, giorno della consegnata dalla nostra associazione.

E mentre scende il tramonto sulle montagne amatriciane, ci si rimette in viaggio verso casa.
Giornate così fanno bene all’anima.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *