L’inaugurazione de “La Casa di Aurora”.

Nella vita di una persona, sono pochi i giorni che valgono veramente la pena di essere vissuti. I giorni che ci ricorderemo quando avremo 80 anni, si possono veramente contare sulle dita di una mano. Oggi, per noi, è uno di questi.

Oggi realizziamo un sogno di una grandezza che quasi non ci pare vero. Perché sì, lo abbiamo fatto, abbiamo costruito una casa vera ad una bambina disabile colpita dal terremoto che ha vissuto per oltre un anno in roulotte.

Non una casetta provvisoria, ma una vera casa, garantita per tutta la vita, costruita grazie alle donazioni che abbiamo ricevuto da tutta Italia.
Non ci sembra vero di avercela fatta. È senza dubbio la cosa migliore che abbiamo mai fatto in vita nostra.

Ma non solo. Se possibile, oggi facciamo una cosa ancora più grande. Oggi mettiamo a nudo lo Stato e vediamo quanto si è ingrassato veramente alle spalle degli italiani. Si è sentito dire spesso “Le casette provvisorie dello Stato sono troppo care! Questo è uno spreco di soldi pubblici”. Ma è facile chiacchierare così, senza mostrare alternative. Noi oggi mostriamo l’alternativa: abbiamo costruito da zero una casa definitiva, antisismica. Quanto è costata? 1315 euro al metro quadro, molto meno delle casette provvisorie dello Stato (1650 euro al metro quadro in media). Oggi mettiamo a nudo lo Stato: dimostriamo nero su bianco che risparmiando il 20% si sarebbero potute costruire strutture di primissima qualità invece di quei container travestiti da casette fornite dallo Stato.

In un solo minuto e mezzo, l’emozione di un’intera giornata. L’inaugurazione de ‘La Casa di Aurora’.

Una casa per Aurora ma anche per Mario, il suo fratellino. 8 anni, appassionato di dinosauri, lo sguardo vispo e dolce. Al microfono di Barbara Masulli dice che adesso lo attenderà una “vita bella” grazie alla casa costruita da La Via del Sale Onlus.

Il servizio di Tv2000 (che ringraziamo di cuore!)

“Un miracolo fatto di cemento e legno, arredi, peluche e palloncini colorati. Un miracolo di 66 metri quadri: quelli della casa, una casa vera, una casa definitiva, donata da un’associazione di giovanissimi volontari, i ragazzi de “La Via del Sale”. Sabato è stata inaugurata, tra la commozione di tutti, nella piccola frazione di Castiglione, a Montereale, in Abruzzo. In via della Speranza. Una speranza diventata realtà”.

L’articolo di Elena Barlozzari per Il Giornale

La piccola terremotata dimenticata dallo Stato torna a sorridere

(Leggi l’articolo)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *