Oggi Amatrice tornerà ad avere il suo medico di base.

Da Camerino ad Amatrice.

Alcune storie sono belle da raccontare. Altre sono bellissime. Oggi abbiamo l’onore di raccontare una di quelle bellissime.
Claudia è una dolcissima signora di Camerino, purtroppo affetta da Parkinson, alla quale consegnammo una casetta su ruote il 3 gennaio 2017. Finalmente qualche giorno fa ha ricevuto il MAPRE, il modulo abitativo provvisorio per gli allevatori, dallo stato. Claudia ci ha quindi chiamato per informarci dell’avvenuto e riconsegnarci la casetta su ruote per destinarla ad una famiglia sfollata che ancora non ha ricevuto nulla.

Può sembrare strano per chi non segue il terremoto, ma purtroppo ce ne sono. Una, in particolare, ci ha colpito, quella dell’unico medico di base residente ad Amatrice, che ha perso casa e ambulatorio nel terremoto e che era costretta a fare la spola da L’Aquila tutti i giorni.

Non c’è stato molto di cui discutere, confrontandoci con Claudia, abbiamo deciso subito di portare la casetta appunto al medico di base di Amatrice, in maniera tale che potesse tornare ad esercitare in maniera efficiente la sua professione. Abbiamo pensato che fosse un progetto che andava al di là della solidarietà verso la singola famiglia, ma avrebbe beneficiato l’intera comunità amatriciana. In più ci piaceva l’idea che un paziente aiutasse un medico, come se fosse una sorta di chiusura del cerchio…

Siamo andati oggi! È stata una giornata lunghissima, cominciata alle 5 del mattino, ma l’ospitalità della signora Claudia, la quale ci ha accolto con due vassoi di pasticcini e dei panini col ciauscolo fatto da loro, l’ha resa più corta. Abbiamo appena finito, qui, nella foto, ci vedete insieme al medico di base di Amatrice.
Siamo fieri, onorati, felici, di esser stati parte di un gesto d’amore che ha attraversato gli Appennini da Camerino ad Amatrice.

Parlano di noi:

REPUBBLICA.IT – OSSERVATORIO AMATRICE – Un faro sulla ricostruzione

WWW.REDATTORESOCIALE.IT

WWW.DIRE.IT

WWW.RIETILIFE.IT

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *