Venticinquesima casetta consegnata: Località Accumoli (RI)

Siamo felici di comunicarvi che abbiamo raggiunto la quota di 25 casette consegnate!
È stato possibile solo grazie a voi, alle vostre donazioni, alle condivisioni ed anche al passaparola.
Perciò vi chiediamo: non lasciateci soli.
L’emergenza abitativa non è finita.

L’associazione La Via del Sale Onlus, nell’ambito del progetto “Una Casetta per Amatrice”, ha consegnato la venticinquesima abitazione semimobile a una famiglia di Poggio Vitellino, nel comune di Amatrice, sfollata dal terremoto. La donazione è stata possibile, come nelle altre occasioni, grazie alla raccolta fondi promossa dalla onlus. Il modulo abitativo è completamente arredato, dotato di bagno, due camere, soggiorno e angolo cottura, e andrà a sostituire la roulotte nella quale la famiglia vive ormai da mesi. Il nucleo familiare che riceverà la casetta è formato da cinque persone, tra cui un invalido al 100% e un bimbo di soli 2 anni. Con questo intervento sale a quota 90 il numero delle persone aiutate dalla onlus fondata da giovani reatini che da tempo si battono per la tutela dei diritti della popolazione colpita dal sisma. «Questa donazione fa luce su una problematica di cui non è mai parlato – spiegano i ragazzi della onlus – cioè che i possessori di una casa inagibile di categoria E, abbiano diritto alle casette del Governo, mentre chi ha una casa inagibile di categoria B non ha diritto a nessun aiuto. Probabilmente l’idea originaria è che queste ultime venissero ristrutturate velocemente, ma i lavori di ricostruzione non sono cominciati. Il risultato – concludono – è che le famiglie con le inagibilità di tipo E stanno entrando nelle Sae (Sistemazioni Abitative d’Emergenza), mentre le famiglie con l’inagibilità sono in roulotte»

Articolo tratto da Il Messaggero: www.ilmessaggero.it/rieti/rieti_amatrice_terremoto_casetta-2601201.html

2017-08-02-16-21-57

2017-08-02-16-24-11

2017-08-02-16-47-25

2017-08-02-16-47-36

2017-08-02-21-21-07

2017-08-02-21-21-13

2017-08-02-21-25-43

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *